Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Primo piano / Aperto al traffico l’ultimo tratto della “SS 655 Bradanica” – Video

Aperto al traffico l’ultimo tratto della “SS 655 Bradanica” – Video

Sulla Strada Statale 655 “Bradanica”, Anas (Gruppo FS Italiane) nella mattinata di oggi, ha aperto al traffico gli ultimi circa 4 km. del 1° Lotto “La Martella“, a Matera, che rendono fruibile l’intero itinerario Bradanico, di oltre 140 km.

L’intero tracciato ha inizio al km. 132,065 della SS655 “Bradanica” e termina sulla SS7 “Appia”, attraverso lo svincolo di Matera Centro, garantendo, inoltre, l’accesso all’autostrada A16 Napoli-Canosa.

Lo sviluppo dell’intera tratta è pari a circa 12 km., 8 dei quali già in esercizio, con un innesto di collegamento sulla strada provinciale Timmari-Santa Chiara, con 4 svincoli per la connessione con la viabilità circostante, per un investimento complessivo oltre 77 milioni di euro, finanziati da Anas e dalla Regione Basilicata, quest’ultima per 19 milioni di euro.

La tratta aperta quest’oggi è caratterizzata dalla presenza di numerose opere d’arte, il viadotto Lama di Pepe I a tre campate continue della lunghezza complessiva di 90 metri circa, il viadotto Lama di Pepe II a due campate continue della lunghezza complessiva di 60 metri circa ed il viadotto Santo Stefano a 6 campate continue, con luce di 30 metri ed impalcato realizzato in calcestruzzo armato, che costituisce un unico corpo, della lunghezza complessiva di 180 metri circa.

Quest’ultimo viadotto, che sovrappassa l’omonimo fosso, è stato oggetto di interventi di rinforzo e di consolidamento dei versanti, oltre che di opere di drenaggio delle acque di falda, in relazione al verificarsi di alcuni fenomeni di instabilità dei terreni.

Alla realizzazione di tali interventi è seguito un necessario periodo di monitoraggio delle opere e dei versanti al fine di verificarne gli effetti, in esito ai quali è stato possibile quest’oggi procedere all’apertura al traffico.

Tale monitoraggio dell’evoluzione dei fenomeni geologici dell’area e dell’interazione di questi ultimi con le strutture del viadotto resta comunque operativo, in relazione ad eventuali e successivi controlli o attività di salvaguardia.

La nuova viabilità resa fruibile è una strada con sezione di tipo C1, della larghezza complessiva di 10,50 metri, con una carreggiata singola organizzata in due corsie di larghezza pari a 3,75 metri, fiancheggiate da banchine laterali larghe 1 metro e mezzo.

Lungo la tratta, già aperta al transito in precedenza, si colloca un’altra opera d’arte importante, il ponte sul torrente Gravina, con una struttura in acciaio, di 144 metri circa, del tipo ad arco a via inferiore, costituito da un’unica campata sospesa mediante tiranti a due archi, ribassati in tubolari di acciaio.

Tale opera d’arte, come informato da Anas, supera il forte dislivello della valle del torrente Gravina, senza tra l’altro interessare l’area golenale tutelata per la valenza paesaggistica ed ambientale.

“Dopo tanti anni di attesa ed ostacoli di ordine tecnico e strutturale superati, la Bradanica è finalmente ultimata e percorribile lungo tutto il tracciato da Matera a Foggia. Un risultato reso possibile grazie all’impegno responsabile di Regione Basilicata e ANAS. Come è noto, l’opera ha visto un travagliato processo di completamento, dovuto a diverse problematiche in passato trascurate. Si completa, così, una direttrice stradale molto importante, sia per il traffico privato che per quello commerciale, una fondamentale strada di comunicazione tra l’area dello Jonio, la città di Matera e la direttrice Nord-Est, interessata nel tratto che si va ad aprire oggi, dalla presenza di un viadotto la cui messa in esercizio ci ha messo duramente alla prova”.

Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra, nella foto, insieme al personale Anas, che ha partecipato alla cerimonia di apertura dell’ultimo lotto della Strada Statale Bradanica, nella zona tra Timmari e il Borgo la Martella, alle porte di Matera.

Redazione


DI Redazione