Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Cronaca / Violenza nello sport a Pignola e Catania

Violenza nello sport a Pignola e Catania


Ancora violenze nei luoghi di sport che dovrebbero, invece, essere punti di aggregazione sociale e momenti di puro svago.

Situazioni, purtroppo, incresciose, che continuano ad avvenire in gran parte dell’Italia, con leggi che solleticano soltanto gli intolleranti che bazzicano nel settore, dove si pensa più che allo spettacolo ai tanti guadagni delle varie società interessate.

In Basilicata, a Pignola, in provincia di Potenza, durante un incontro di calcio tra lo SPORTING PIGNOLA e BARILE ASD, il Questore della provincia del capoluogo lucano, dott.ssa Isabella Fusiello, ha emesso un DASPO nei confronti di un giocatore.

Il fatto di grave intolleranza è avvenuto lo scorso 5 ottobre, presso l’impianto sportivo situato nella contrada Pantano durante una disputa valevole per il Campionato di Prima Categoria.

Un calciatore della squadra del Barile ha assunto atteggiamenti tali da mettere in pericolo la sicurezza dell’ordine pubblico e delle persone presenti nello stadio.

Infatti, è entrato in campo senza autorizzazione ed ha minacciato il direttore di gara, spintonandolo, ma desistendo dal suo intento, grazie soltanto al pronto intervento delle forze dell’ordine e di altri suoi colleghi.


L’uomo è  stato idendificato e deferito all’Autorità Giudiziaria competente per gli aspetti penali, mentre per la condotta violenta e sicuramente non sportiva, il Questore del capoluogo lucano ha adottato nei suoi confronti la misura di prevenzione, per la durata di un anno, e non potrà accedere, su tutto il territorio nazionale, nei luoghi dove saranno in programma manifestazioni di questo tipo.

Nei giorni scorsi, in Sicilia, la Polizia di Stato di Catania, ha, invece, tratto in arresto un noto pluripregiudicato del posto, per violenza privata aggravata nei confronti dell’amministratore delegato del “Calcio Catania“.

Grazie all’attività e alla professionalità del personale della Digos di Catania e dei colleghi di Reggio Calabria, sono stati raccolti elementi utili all’identificazione dell’autore del gesto che ha, così, permesso di eseguire la misura dell’arresto in flagranza differita, per reati commessi a causa di manifestazioni sportive.

A seguito dell’aggressione la vittima, che si stava recando allo stadio in occasione dell’incontro di calcio tra Catania e Potenza, per il turno di “Coppa Italia“, conclusosi 2 – 1, ha deciso di rinunciare ad assistere all’evento sportivo.

Tutti i dettagli di questa ennesima situazione, che piu che allo sport si è pensato ancora una volta alla violenza, sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa svoltasi presso la Questura catanese.

 Rocco Becce



DI Rocco Becce

Email: robexdj@gmail.com