Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Ambiente / “Cara acqua quanto ci costi”, la segnalazione dell’ADOC di Basilicata

“Cara acqua quanto ci costi”, la segnalazione dell’ADOC di Basilicata

In questi ultimi tempi si parla di acqua, ma sopratutto di costi a nostro carico.

È di un paio di giorni fa la pubblicazione sul sito dell’EGRIB (Ente di Governo per i Rifiuti e le Risorse Idriche di Basilicata) delle nuove tariffe con cui i cittadini lucani pagheranno l’acqua.

Le tariffe, con aumenti triennali, avranno effetto retroattivo dal 2018.

L’ADOC (Associazione Difesa e Orientamento Consumatori) di Basilicata, a nome del suo presidente, il dott. Canio DAndrea, in una nota stampa inviata in redazione, stigmatizza l’adozione di tale provvedimento, adesso per allora, circa le retroattività dello stesso, e sottolinea la scorrettezza e la spregiudicatezza degli Enti tenuti alla gestione delle acque in Basilicata ossia, Egrib, Regione Basilicata, i comuni azionisti e lo stesso Acquedotto Lucano.

La prossima bolletta in arrivo che riguardano le spese per l’anno 2018, costerà almeno il 16,85% in più, rispetto a quella del 2017.

Infatti, per una famiglia composta da madre, padre e un figlio, il consumo medio di acqua è stimato di circa 276 mc/annuo.

I calcoli, elaborati dall’ADOC di Basilicata, sono stati fatti considerando i consumi medi per famiglie italiane che usano con parsimonia l’acqua e che riguardano un lavaggio con lavastoviglie al giorno, una lavatrice a settimana, lo scarico del bagno, massimo due volte al giorno per persona e, infine, l’igiene personale, ovvero radersi una volta ogni due giorni, solo il capofamiglia, una doccia breve al giorno a persona, lavarsi i denti, cucinare e lavare i pavimenti.

Ovviamente, non sono stati inclusi gli sprechi che non possono e non devono essere assolutamente tollerati.

Così, con l’applicazione delle nuove tariffe, la famiglia lucana spenderà 557,13 euro a fronte di 476,81 euro pagati nel 2017, in pratica 80,32 in più.

Per una famiglia monoreddito era già una spesa salata pagare 476,81 euro annui, immaginiamo oggi per un pensionato a 780 euro al mese che cosa possa significare ciò.

Un altro aumento e, a breve, non potremo più permetterci neanche l’acqua.

“Tutto questo – aggiunge D’Andrea – in una regione che è il “serbatoio” di larga parte della popolazione del Mezzogiorno d’Italia”.

Questo è il danno, ma anche la beffa.

Infatti, le tariffe sono state tenute nascoste e per aumentarle, tutto è stato fatto in gran segreto.

“L’ADOC – spiega ancora il presidente, che denuncia tale situazione, e le altre associazioni dei consumatori, sono state totalmente ignorate – tutto è avvenuto alla faccia delle promesse fatte sui tavoli istituzionali da autorevoli esponenti regionali circa il coinvolgimento, prioritario, delle associazioni dei consumatori per quanto riguardano servizi e tariffe pubbliche. L’acqua è un bene pubblico essenziale e misura il livello di civiltà di un popolo e non è solo l’ADOC di Basilicata a sostenerlo. La Basilicata con tutte le sue risorse idriche non può far pagare l’acqua a prezzi, così, esosi e l’ADOC di Basilicata si batterà con sempre maggior vigore perchè le esigenze essenziali siano assicurate a tutti a prezzi accessibili. Riteniamo che è necessario utilizzare meccanismi di compensazione che tengano conto delle condizioni economiche e sociali degli utenti e che siano messe in campo strategie per contenere gli sprechi della risorsa idrica e, nel contempo, diminuiscano i costi, elefantiaci e smisurati, dei vari apparati deputati alla gestione di un bene sempre più prezioso”.

Infine, l’ADOC di Basilicata, in merito, chiede di:

1) Sospendere immediatamente gli aumenti delle tariffe;

2) Negoziare le tariffe e gli scaglioni di consumo con le associazioni dei consumatori;

3) Prevedere sistemi di compensazione per le fasce più deboli (anziani, indigenti, cittadini in stato di necessità, etc).

Redazione

DI Redazione