Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Eventi / Potenza, “Stella al merito del lavoro”, i requisiti per la partecipazione

Potenza, “Stella al merito del lavoro”, i requisiti per la partecipazione

L’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Potenza-Matera informa, in una nota stampa inviata oggi, martedì 19 settembre, a firma del dott. Stefano Olivieri Pennesi, Capo dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Potenza-Matera che, anche per il prossimo anno 2018, il giorno 1° maggio, saranno conferite alcune decorazioni della Onorificenza “Stella al merito del lavoro”, ai sensi della legge n. 143 del 5/2/1992, ai lavoratori, di ambo i sessi, dipendenti di imprese private o pubbliche, di ogni livello professionale e di ogni settore produttivo, nonchè ai lavoratori dipendenti da organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro e dalle associazioni legalmente riconosciute a livello nazionale.

La decorazione può essere conferita anche a pensionati appartenenti alle suddette categorie e i requisiti indispensabili per il conferimento di tale Onorificenza sono le seguenti:

• età non inferiore ai 50 anni;

• anzianità di lavoro, documentabile, non inferiore ai 25 anni consecutivi alle dipendenze di una o più aziende, purchè il passaggio da un’azienda all’altra non sia stato causato da demeriti personali;

• meriti di professionalità, perizia, laboriosità e condotta morale in azienda.

Le proposte, corredate della necessaria documentazione, vanno presentate all’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Potenza-Matera, con sede in Potenza e Matera, entro il prossimo 31 ottobre.

Si fa presente, inoltre, che le proposte avanzate senza esito positivo negli anni scorsi debbono ritenersi decadute e quindi, eventualmente, ripresentate per l’anno successivo 2018.

Possono aspirare alla decorazione:

a) i lavoratori e le lavoratrici dipendenti, occupati in attività di operai, impiegati, quadri e dirigenti di imprese private anche in forma di cooperativa;

b) i dipendenti, di ambo i sessi, da aziende o stabilimenti dello Stato, degli Enti militari, delle Regioni, delle Province, dei Comuni e degli Enti Pubblici purchè non appartenenti ai ruoli organici del personale della Pubblica Amministrazione o degli Enti su riportati;

c) i lavoratori e le lavoratrici dipendenti da OO.SS. dei lavoratori e dei datori di lavoro e da associazioni legalmente riconosciute a livello nazionale;

d) i pensionati e le pensionate appartenenti alle categorie anzidette;

e) i lavoratori e le lavoratrici italiani all’estero che abbiano dato prove esemplari di patriottismo, di laboriosità e di probità.

Pertanto vanno escluse le categorie dei lavoratori di studi professionali, i domestici, nonchè i coloni, i mezzadri ed i coltivatori diretti.

La decorazione può essere inoltre concessa per onorare la memoria dei lavoratori e delle lavoratrici italiani, anche residenti all’estero, periti o dispersi a seguito di eventi di eccezionale gravità, determinati da particolari rischi connessi al lavoro in occasione del quale detti eventi si sono verificati e in tal caso si prescinde dai requisiti di età e di anzianità di servizio.

I requisiti richiesti sono i seguenti:

1) cittadinanza italiana;

2) età di 50 anni compiuti;

3) occupazione ininterrotta per un periodo minimo di 25 anni alle dipendenze della stessa azienda o alle dipendenze di aziende diverse purchè il passaggio da una azienda all’altra non sia stato causato da demeriti personali.

Per i lavoratori e le lavoratrici italiani all’estero si prescinde dall’anzianità di servizio.

È altresì necessario che i lavoratori e le lavoratrici abbiano almeno uno dei seguenti titoli:

• si siano particolarmente distinti per singolari meriti di perizia, laboriosità e di buona condotta morale;

• abbiano, con invenzioni o innovazioni nel campo tecnico produttivo, migliorato l’efficienza degli strumenti, delle macchine e dei metodi di lavorazione;

• abbiano contribuito in modo originale al perfezionamento delle misure di sicurezza del lavoro;

• si siano prodigate per istruire e preparare le nuove generazioni nell’attività professionale.

È opportuno, anche sottolineare che con la decorazione di cui trattasi non si intende premiare la sola anzianità lavorativa che non può essere considerata di per se stessa requisito sufficiente per il conferimento.

Le proposte per il conferimento delle decorazioni, con l’indicazione esatta della residenza e del corrispondente numero di codice di avviamento postale, vanno inoltrate alle sedi di Matera e Potenza dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Potenza-Matera entro il 31 ottobre 2017 e possono essere formulate dalle aziende, dalle Organizzazioni Sindacali ed assistenziali dei datori di lavoro e dei lavoratori o direttamente dai lavoratori e dalle lavoratrici interessati, corredate dai seguenti documenti in carta semplice:

A) autocertificazione relativa alla nascita (L. 15/5/97, n. 127);

B) autocertificazione relativa alla cittadinanza italiana (L. 15/5/97, n. 127)

C) attestato relativo al servizio o ai servizi prestati presso una o più aziende fino alla data della proposta o del pensionamento;

D) attestato relativo alla professionalità, perizia, laboriosità e condotta morale in azienda;

E) curriculum vitae;

F) eventuale documento militare;

G) autorizzazione da parte dell’interessato al trattamento dei dati personali (D.lgs. 196/2003);

H) residenza, recapito telefonico ed e-mail, se disponibile.

La data ed il luogo di nascita nonché la cittadinanza italiana sono autocertificate con dichiarazione sottoscritta dal lavoratore o dalla lavoratrice interessata, dichiarazione che può essere anche inserita nella domanda.

Le attestazioni di cui alle lettere C e D possono essere anche contenuti in un documento unico rilasciato dalla ditta presso cui il lavoratore presta servizio o ha prestato servizio, nel caso di più rapporti di lavoro.

Per qualsiasi informazione al riguardo, gli interessati possono rivolgersi al suddetto Ispettorato Territoriale del Lavoro di Potenza-Matera, con sede a Potenza, in via Isca del Pioppo 41 – tel. 0971/508077 – 0971/390111.

Redazione


DI Rocco Becce

Direttore Editoriale