Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Eventi / SMAU Milano, chiusa la call per le start up innovative della Basilicata

SMAU Milano, chiusa la call per le start up innovative della Basilicata

Sono 15 le candidature Lucane, di carattere internazionale multiregionale che permetteranno di accendere nuove relazioni commerciali con imprese investitori e player dell’innovazione provenienti da tutto il mondo, pervenute alla segreteria organizzativa di “SMAU” e di “Sviluppo Basilicata S.P.A.” per poter partecipare gratuitamente alla tappa del “Roadshow 2017 SMAU“, che si terrà in Lombardia, a Milano, dal prossimo 24 ottobre e sino al 26, presso “Fiera Milano City“, in viale Lodovico Scarampo 2.

La call promossa e lanciata lo scorso 27 luglio dalla Regione Basilicata, in collaborazione con SMAU e con il coinvolgimento di “Sviluppo Basilicata SPA”, si è chiusa lo scorso 31 agosto e le 15 start up innovative, che si sono candidate, operano nei settori dell’Energia – Smart Communities – Sanità – Industria 4.0 – Nuove tecnologie – Digital – Industria Creativa – Smart Home, Smart B&B – Fashion&Design – ICT – Slowfunding e provengono per il 60% da Potenza e provincia e per il 40% da Matera e provincia e il dato di partecipazione è stato molto positivo e significativo delle aziende Lucane di mettersi in gioco utilizzando i supporti e gli strumenti che la Regione Basilicata rende disponibili per stimolare e assecondare la propensione allo sviluppo, all’innovazione e all’internazionalizzazione del sistema produttivo.

Dopo l’esperienza positiva della tappa di Berlino e delle edizioni precedenti, la Regione Basilicata, infatti, riconferma ancora una volta questa opportunità di partecipazione a 10 start up innovative lucane e come previsto dal regolamento, con il supporto della segreteria SMAU, selezionerà in tempi brevissimi, entro l’8 settembre, le 10 startup da coinvolgere nelle diverse iniziative.

La valutazione sarà effettuata tenendo conto in particolare, il contenuto innovativo del prodotto o servizio b2b proposto, la disponibilità di referenze o, in alternativa, aver ricevuto già un investimento di 500k euro, prodotto o servizio pronto per il mercato.

Inoltre, sarà offerta gratuitamente la possibilità di partecipare a “ItaliaRestartsUp 2017“, organizzata da SMAU, insieme ad ICE e al Ministero dello Sviluppo Economico, con la possibilità di incontrare oltre 60 investitori e imprese provenienti da tutto il mondo, interessati all’Innovazione made in Italy mediante incontri B2B e speed pitching che si terranno in lingua inglese e partecipare agli speed pitching e agli smau live show per presentare le idee a una platea di venture capital, imprenditori, istituzioni e manager dedicati a tematiche quali: Industria 4.0, Commercio e Turismo, Agrifood, Smart Communities, Sanità, Servizi, realizzando anche pitch e partecipando al momento di networking, concorrere al premio lamarck, con le 3 startup vincitrici del Premio che saranno selezionate per partecipare gratuitamente all’edizione di “SMAU BERLIN 2018” e promuovere il proprio prodotto-servizio all’interno di uno spazio espositivo e utilizzare così una serie di servizi.

E ancora, come spiega una nota dell’Ufficio Stampa dellla Regione Basilicata arrivata in redazione pochi minuti fa, si segnala che quest’anno, all’evento, si svolgerà lo “SMAUEdizione Speciale Lamarck”, nell’ambito del Premio nazionale per l’Innovazione promosso dal PNICube, che si svolgerà in Campania, a Napoli, tra i giorni 30 novembre e 1 dicembre, premio nazionale a cui parteciperanno anche gli startupper lucani selezionati nell’ambito dell’edizione “StartCup Basilicata 2017“.

“I giovani imprenditori lucani – afferma l’assessore regionale allo Sviluppo e alla Innovazione, Roberto Cifarelli –  hanno voglia di aprirsi al mondo e di farsi apprezzare da operatori e player dell’innovazione provenienti da tutto il mondo e noi intendiamo sostenere le imprese del territorio nella difficile sfida della internazionalizzazione e la Fiera SMAU è una straordinaria occasione di crescita e di conoscenza dei mercati”.

“Il sistema produttivo Lucano – aggiunge Cifarelli – ha risposto in maniera territorialmente omogenea all’opportunità che la Regione Basilicata ha messo a loro disposizione e le nostre start up si confermano vivaci dal punto di vista economico e culturale, sopratutto in alcuni settori come l’Industria creativa, il digital e le nuove tecnologie, e, rappresentano, oramai, un volano affidabile di crescita occupazionale e di sviluppo territoriale e sempre più la Basilicata si conferma Terra, dove passato, presente e futuro si incrociano”.

Redazione


DI Rocco Becce

Direttore Editoriale