Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Eventi / Ginosa Marina, le bugie sull’Africa e sull’emigrazione, un incontro con il giornalista d’inchiesta e scrittore Silvestro Montanaro

Ginosa Marina, le bugie sull’Africa e sull’emigrazione, un incontro con il giornalista d’inchiesta e scrittore Silvestro Montanaro

In Puglia, a Ginosa Marina, in provincia di Taranto, è fissato per domani, mercoledì 30 agosto, alle ore 20.00, l’appuntamento con il giornalista d’inchiesta e scrittore, Silvestro Montanaro, un incontro organizzato dall’associazione di promozione sociale “MoviMenti“, presieduta da Tiziana Visconti, per discuterne insieme delle tante bugie sull’Africa e immigrazione, un evento, di grande attualità, patrocinato dal Comune e dalla Biblioteca Civica con ingresso libero che si svolgerà in piazza Indipendenza 1, davanti al Palazzo della Delegazione Comunale, dove è anche stata allestita una mostra d’arte curata da Mariana Mele che sarà fruibile ai visitatori sino al prossimo 31 agosto.

La verità dietro le storie di immigrazione dall’Africa, le bugie che ci raccontano su questa pagina di attualità e, sopratutto, quali sono il peso e la responsabilità dell’informazione su quanto sappiamo, sono alcune dei quesiti su tale argomento che saranno affrontati durante la serata.

Al dibattito e ad una proiezione sul tema, seguirà la presentazione del libro “Col cuore coperto di neve“, un racconto di denuncia, pubblicato il 2 ottobre 2016 con la prefazione di Fiorella Mannoia, non in vendita in libreria, ma è possibile acquistarlo in due versioni, quella E-BOOK..Amazon e quella cartacea scrivendo una mail a cittadinidelmondo2016@gmail.com, che si occupa dei traffici di carne umana, il turismo sessuale e la pedofilia nel mondo.

Il libro è una raccolta di racconti, scritti con grande umanità, che si occupa principalmente del dramma quotidiano di milioni di donne e bambini, uno dei tanti “altri lati” legato al nuovo colonialismo e alla globalizzazione neoliberista, non una raccolta di racconti dell’orrore, ma della spaventosa vita quotidiana di moltissime donne e sopratutto di bambine e bambini abusati, sfruttati e seviziati, dove la morte non è sempre qualcosa di cui avere paura ma, a volte, soltanto un amaro sollievo.

I documentari realizzati dal giornalista Montanaro hanno girato il mondo e accompagnato numerose campagne di difesa a favore dei diritti umani, ricevendo sia in Italia che in gran parte del mondo i più prestigiosi riconoscimenti.

Silvestro Montanaro ha iniziato la sua carriera come corrispondente di “Paese Sera” e poi sul quotidiano “L’Unità”, lavorando, inoltre, per la “Voce della Campania” e firmando delicatissime inchieste sui rapporti tra mafie e poteri politici ed economici.

Nel 1989 ha realizzato alcuni dossier sull’immigrazione clandestina, è stato Addetto Stampa della prima associazione di immigrati e negli anni successivi ha lavorato con il giornalista Michele Santoro alle trasmissioni televisive “Samarcanda”, “Il Rosso e il Nero” e “Tempo Reale” e  pubblicato tre libri-inchiesta sul Mozambico e i suoi bambini sul dopoguerra, sulla malasanità e sul rivio a giudizio per mafia di Giulio Andreotti.

Ha curato, inoltre, il progetto Sciuscià ed è stato l’autore di “Drug Stories”, programma di inchieste sul mondo della droga su scala internazionale, realizzando numerosi documentari tra i quali “Col cuore coperto di neve”, sul debito estero dei Paesi del Sud nel mondo, girato in Brasile sui temi del lavoro e della prostituzione minorile, oltre a “E poi ho incontrato Madid” sull’ultima delle terribili carestie e sopratutto sulle vere ragioni che hanno afflitto il Sud del Sudan.

Dal 1999 al 2013 è stato autore del programma “C’era una volta” in onda su Rai Tre e nel 2002 ha condotto la trasmissione “Dagli Appennini alle Ande”, prima ed ultima esperienza di racconto popolare dei grandi temi della geopolitica.

Insomma, un grande ospite per una grande serata che si preannuncia davvero molto interessante, sotto tutti gli aspetti.

Rocco Becce robexdj@gmail.com


DI Rocco Becce

Direttore Editoriale