Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Cronaca / Operazione antidroga “Tomato” tra Sicilia e Basilicata, i nomi dei 16 arrestati

Operazione antidroga “Tomato” tra Sicilia e Basilicata, i nomi dei 16 arrestati

In Sicilia, i militari dell’Arma dei Carabinieri del Comando Provinciale di Caltanissetta e del Comando Territoriale di Gela, hanno arrestato 16 persone in un’indagine avviata dalla Procura della Repubblica di Gela. Nella maxi operazione denominata “Tomato”, sono stati impiegati circa 80 militari dell’Arma dei Carabinieri che hanno setacciato nel corso della scorsa notte le città e province di Gela, Caltanissetta, Palermo, Catania, Ragusa, Comiso, Potenza e Matera con la collaborazione delle Unità Cinofili e tutti i particolari sono stati illustrati nel corso della mattinata durante una conferenza stampa svoltasi alle ore 11.00 presso la Procura di Gela, alla presenza del Procuratore Capo e del Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri. Nell’indagine avviata nel settembre del 2014 e conclusa all’alba di oggi, venerdì 19 maggio, gli investigatori hanno ricostruito i canali di ingresso dell’eroina e cocaina, chiamata pomodoro, caffè o cosa,

a partire da due rapine i cui proventi sarebbero stati reinvestiti nell’acquisto di droga che avvenivano nella città di Palermo e con numerosi episodi di spaccio che confluivano anche nel chiosco di una scuola di Piano Notaro, momenti che si avvalevano attraverso un indotto di microcriminalità con richieste criptate di droga che arrivava anche a Viggiano, in provincia di Potenza, operazione che ha poi, finalmente, portato agli arresti di diversi componenti tra cui Avenia Massimiliano, di 38 anni, Calascibetta Giovanni Battista, di anni 61, Cricchio Antonia, di 59 anni, DAntoni Luigi, di anni 52, Di Maggio Vincenzo, di 28 anni, Fecondo Giuseppe Fausto, di 45 anni, Mazzolino Salvatore Graziano, di 25 anni, Scilio Alessandro, di 38 anni, Stamilla Salvatore, di anni 45, Traina Giovanni, di 52 anni, mentre agli arresti domiciliari sono finiti Antonuccio Salvatore, di anni 40, Fiaccabrino Gaetano, di 46 anni, Guzzardi Luciano, di anni 53, Marino Gaetano, di anni 33, Palermo Giovanni, di 49 anni, e obbligo di firma per S.A., un operaio di Gela, residente in Basilicata, a Tempa Rossa, in provincia di Potenza.

Rocco Becce robexdj@gmail.com

 

 


DI Rocco Becce

Direttore Editoriale