Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Cultura / Potenza, dal Comune aiuti alle famiglie in difficoltà per 1.92 milioni di euro

Potenza, dal Comune aiuti alle famiglie in difficoltà per 1.92 milioni di euro

“Per il sostegno alle famiglie economicamente svantaggiate, al Comune di Potenza sono state assegnate risorse pari ad euro 1.920.107.00 per il triennio 2017/2019”. 

A darne l’annuncio, in una nota inviata oggi, martedi 2 maggio, dall’Ufficio Stampa del Comune, è l’assessore alle Politiche sociali, Valeria Errico che aggiunge “abbiamo partecipato all’avviso per la presentazione di progetti finanziati a valere sul “Fondo Sociale Europeo”, programmazione 2014/2020, “PON Inclusione”, bandito dal Ministro delle Politiche Sociali per l’attuazione della Misura di contrasto alla povertà S.I.A. (Sostegno Inclusione Attiva), e in attesa del Decreto direttoriale, il Comune di Potenza sarà beneficiario di euro 1.920.107.00″. 

“È sicuramente una notizia che ci riempie di soddisfazione, la cui realizzazione è stata possibile grazie al grande lavoro messo in campo dall’Ufficio Servizi Sociali”, prosegue l’assessore comunale, Valeria Errico che aggiunge -nonostante l’impegno e l’attenzione che questa amministrazione profonde, ogni giorno, verso i più deboli e i soggetti economicamente svantaggiati, le risorse non sono mai sufficienti”. 

“Con questi fondi – prosegue l’assessore – implementeremo e rafforzeremo il sostegno alle fasce economicamente deboli, attraverso la strutturazione di servizi e interventi che consentano la predisposizione e l’attuazione dei progetti di presa in carico dei beneficiari del S.I.A., secondo le Linee guida ministeriali”. 

“Un percorso di inserimento alla vita attiva, costruito insieme al nucleo familiare, basato sulle esigenze e sui bisogni dei suoi componenti, non assistenzialismo, ma un vero e proprio patto tra amministrazione e famiglie e siamo consapevoli – conclude l’assessore Errico – che mentre emergono nuove forme di povertà sia indispensabile prevedere metodi di contrasto e di supporto personalizzati che abbiano come obiettivo l’attivazione sociale e lavorativa e che pongano al centro delle attività la persona in quanto individuo”.

Redazione


DI Rocco Becce

Direttore Editoriale