Myntra coupons for new users

flipkart coupons codes for mobiles

foodpanda offers

globalnin

Home / Eventi / Rapone, in custodia le Reliquie dei prossimi Santi Francesco e Giacinta

Rapone, in custodia le Reliquie dei prossimi Santi Francesco e Giacinta

In Basilicata, Rapone, in provincia di Potenza, con circa mille abitanti, è la prima città ad avere in custodia le Reliquie dei prossimi Santi Francesco e Giacinta, i Pastorelli di Fatima. 

Infatti, saranno proclamati il prossimo 13 maggio, in occasione della visita che Papa Francesco terrà al Santuario di Fatima, in Cova da Iria, in Portogallo, una data annunciata dallo stesso Bergoglio nel Concistoro Ordinario Pubblico che si è tenuto in una sala del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo. 

I messaggeri del “Movimento del Messaggio di Fatima” di Rapone informano in una nota stampa, a nome della referente Vita De Luca, che ogni 13 del mese da maggio ad ottobre, sarà possibile acquistare l’Indulgenza Plenaria recitando alcune preghiere e partecipando alla Funzione Eucaristica, presso la Chiesa Madre “Parrocchia San Nicola Vescovo”, grazie al parroco don Giovanni De Palma. 

Dal prossimo mese di maggio, i gruppi Pastorelli “Santi Francesco e Giacinta” e dei messaggeri del “Movimento di Fatima”, durante il primo sabato del mese si uniranno in preghiera innanzi all’Effige della Madonna, onorando le Reliquie dei Santi Francesco e Giacinta con il Rosario meditato insieme al gruppo Pastorelli “Santi Francesco e Giacinto”, formati da bambini e giovani. 

Per il mese di maggio, le messaggere, Anna Cristiani e Lucia Luongo, hanno preparato un Rosario particolare per i piu piccoli, in modo da farli entusiasmare con amore e unirli attorno al Santo Rosario per pregare insieme il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria, come Maria nelle sue apparizioni chiese ai tre pastorelli. 

Nella stessa parrocchia, grazie all’arrivo della Madonna Pellegrina, nel mese di ottobre, si sono creati questi due gruppi dove vi è tanta partecipazione specialmente con i piu piccoli e gli stessi genitori che praticano la pastorale dell’ammalato, recandosi ogni venerdi a trovare un sofferente e recitando il Santo Rosario dell’ammalato, indetto da Giovanni Paolo II.

Rocco Becce robexdj@gmail.com


DI Rocco Becce

Direttore Editoriale